La rinascita del mercato serie a

I nomi caldi delle big

Il mercato del podio della Serie A

Mohamed Salah è il primo egiziano a trovarsi al centro del mercato serie a. Nato nel 1992 è stato comprato dal Chelsea nel gennaio 2014 per poi essere girato in prestito alla Fiorentina un anno dopo. Ora è in trattativa con la Juventus che è molto attiva per gettare le basi per il rafforzamento della squadra.

Dopo avere acquistato Dybala dal Palermo, Khedira dal Real Madrid e Mandzukic dall’Atl. Madrid ora ha puntato l’egiziano e il centrocampista della Roma Nainggolan. Questo fermento è dovuto sia al bottino economico portato a casa grazie alla finale di Champions sia alla necessità di sostituire Tevez che è tornato in Argentina, Pirlo che resterà ancora per poco, Pogba che è oggetto di un’asta milionaria tra i più importanti club al mondo.

La Roma nel frattempo ha acquistato due giovani dal Genoa che hanno fatto bene durante la scorsa stagione. Si tratta dell’ala destra spagnola Iago Falque e del centrocampista d’attacco Andrea Bertolacci, in questo caso è un ritorno a casa visto che è cresciuto nelle giovanili giallorosse.

I problemi dell’attacco della squadra di Garcia hanno portato la società a sondare il terreno per Bacca del Siviglia e Dzeko del Manchester City. La Lazio invece sta lavorando sotto traccia per rafforzare la rosa che l’anno prossimo dovrà affrontare la Champions League.

calciomercato-denaro
Le possibili inseguitrici

Squadre in cerca di un nuovo ruolo

A tenere in tensione il mercato Serie A ci sono le milanesi che si stanno muovendo anche grazie ai soldi portati da Tohir per l’Inter e da Mr Bee per il Milan. C’è stato un primo derby di mercato che ha visto prevalere i nerazzurri col forte centrocampista del Monaco Kondogbia, mentre difficilissimo e ancora tutto da giocare è quello per Salah. Le trattative sono diverse e soprattutto per il Milan si parla di grandi nomi come Cavani e Jovetic, la sensazione è che qualcosa accadrà a breve.

Il Napoli esce ridimensionato dalla scorsa stagione visto il mancato accesso alla Champions per due anni consecutivi. Aurelio De Laurentiis ha dato vita ad una piccola rivoluzione portando l’ottimo tecnico dell’Empoli, Maurizio Sarri, alla guida degli azzurri al posto dello spagnolo Rafa Benitez che è approdato al Real Madrid.

È andato via anche il DS Bigon e sono arrivati i primi due calciatori, Valdifiori che è un pupillo del nuovo allenatore e il ritorno di Pepe Reina per dare sicurezza al reparto difensivo che è stato il vero problema delle scorse stagioni.

La Fiorentina, dopo tante voci di mercato che riguardavano il suo allenatore, ha deciso di esonerare Vincenzo Montella che tanto bene ha fatto con i viola a partire dal 2012, quando ne ha preso la guida. La scorsa stagione è stata ottima anche grazie al raggiungimento della semifinale di Europa League, ma qualcosa s’è rotto tra la società e il mister napoletano e allora la famiglia Della Valle ha deciso di sostituirlo con Paulo Sousa, l’allenatore portoghese proveniente dal Basilea. Il passato juventino del nuovo allenatore non depone a suo favore, così come il confronto con l’ottimo percorso di Montella ma ha tutte le carte in regola per riuscire nell’impresa di entrare nei cuori viola.

Fonte: sport.sky.it/sport/calciomercato/home.html

Rispondi