Come si calcola il prezzo dell’oro?

Pur avendo un valore che sarà sempre riconosciuto come molto alto, il prezzo dell’oro è soggetto a numerose fluttuazioni che dipendono da diversi fattori. Vediamoli.

Per iniziare una distinzione: l’oro fisico, cioè quello tangibile, che si può toccare ed acquistare ad esempio sotto forma di gioielli, è una cosa molto diversa rispetto al valore dell’oro che viene quotato e scambiato nelle borse.

Quando si acquista un manufatto in oro, come ad esempio un anello o una collana, oltre alla materia prima si paga anche la lavorazione della stessa. Ciò non avviene invece per l’oro in lingotti, che chiaramente non è sottoposto a lavorazioni complessi e non ha quindi alti costi di manodopera. Il prezzo dell’oro fisico è comunque determinato anche dalle quotazioni che avvengono in Borsa, con quotazioni che derivano da quelle della Borsa di Wall Street.

Il prezzo dell’oro è poi influenzato dalla disponibilità mondiale di oro: maggiore è l’oro disponibile e più il suo prezzo diminuirà, e viceversa, come avviene anche per molte altre materie prime (al netto delle speculazioni che possono essere effettuate a prescindere dalla disponibilità sul mercato).

Per oro non fisico si intende invece quello che viene scambiato nelle Borse, con la quotazione che avviene a Wall Street. Si tratta di una quotazione del tipo “future”, cioè che avviene non sul valore effettivo dell’oro in quel momento, ma su scambi che ipotizzano quanto possa valere in futuro.

prezzo dell'oro variabile

Il prezzo dell’oro è influenzato dalla possibilità di immissione di nuova materia prima sul mercato, derivante ad esempio dall’apertura di nuove miniere o dal ritrovamento di nuovi giacimenti in miniere già esistenti, ma sci sono anche altri motivi che ne influenzano l’andamento. Il suo prezzo infatti è molto spesso soggetto a speculazione come avviene anche per le altre materie prime, che comportano talvolta prezzi inspiegabili secondo gli avvenimenti.

Il prezzo dell’oro rientra nel gioco delle quotazioni borsistiche come avviene per tutti gli altri titoli o materie prime, ed soggetto quindi ai cambiamenti che possono interessare le situazioni geopolitiche degli stati (in particolare dove si estrae l’oro ma non solo) e l’incertezza del mercato su altri prodotti alternativi.

Chi acquista oro in Italia o in Europa deve inoltre tenere presente il valore del cambio dollaro-euro, in quanto il prezzo dell’oro è stimato in questa moneta. Di conseguenza anche il cambio favorevole o sfavorevole può determinare un aumento o un calo del prezzo della materia prima sia per quanto riguarda l’oro fisico sia per la contrattazione dei titoli a Wall Street.

Nonostante le apparenti difficoltà, investire in oro (anche fisico), potrebbe rivelarsi una scelta azzeccata, in quanto se pur soggetto a variazioni, l’oro mantiene un valore sempre elevato.

Rispondi